Accessibilità

Home / Accessibilità

Accessibilità

L’impegno volto ad assicurare il più ampio accesso al patrimonio culturale è un tema particolarmente sentito dalla Direzione del Museo Storico e il Parco del Castello di Miramare.

Sono infatti numerose le iniziative intraprese negli ultimi mesi a partire dalla firma del protocollo d’intesa con il Sottosegretariato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con deleghe a Famiglia e Disabilità e la Regione Friuli Venezia Giulia, alla presenza anche del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte.

Tra le iniziative progettate e che vedranno il loro sviluppo nei prossimi mesi si ricordano in particolare la ripavimentazione dei principali percorsi pedonali del Parco, il rifacimento della cartellonistica interna ed esterna, la predisposizione di un sistema di audioguide e di supporti culturali alla visita accessibili e, in tema di abbattimento delle barriere architettoniche, la predisposizione di un ascensore interno al Castello che consenta l’accesso al primo piano alle persone con ridotta capacità motoria.

II pianoterra del Museo è visitabile dagli utenti con ridotta capacità motoria grazie all’assenza di barriere architettoniche; il primo piano non è al momento accessibile per l’assenza di un ascensore a norma. Il Museo sta attualmente provvedendo all’installazione di un elevatore accessibile al pubblico e alle persone in carrozzina che sarà disponibile tra qualche mese.

Il viale dei Lecci, che collega Porta della Bora al Castello, è percorribile dalle carrozzine o, all’occorrenza, dai veicoli che trasportano persone disabili. Anche le Ex Scuderie, il piazzale del Castello e la terrazza che circonda l’edificio sono facilmente accessibili agli utenti con ridotta capacità motoria o in carrozzina. Per il raggiungimento di altre aree del Parco (parterre, serre, castelletto) si può contattare la Direzione del Museo e organizzare un ingresso con automezzo da via Beirut.

Nell’area di parcheggio, all’inizio del viale di accesso al Museo, due posti sono riservati a portatori di handicap. Tale viale, lungo circa 300 metri, è percorribile dalle carrozzine o dai veicoli che, trasportando persone disabili, abbiano fatto richiesta di arrivare direttamente all’ingresso del Museo.

Per l’abbassamento del dissuasore mobile posto all’ingresso di Viale dei Lecci e l’accesso diretto all’area del piazzale del Castello si può contattare il Servizio di Guardiania tramite il citofono posto a sinistra di Porta della Bora.

Su richiesta il personale di custodia annullerà il ticket del parcheggio. A tal fine è necessario portare con sé il biglietto ritirato all’ingresso e presentarlo al personale di guardiania all’uscita dal Museo.

I cittadini dell’Unione Europea portatori di handicap che dimostrino la propria appartenenza a servizi di assistenza socio-sanitaria (Decreto Ministeriale n. 239 del 20 aprile 2006) hanno diritto, insieme a un loro familiare o altro accompagnatore, all’ingresso gratuito al Museo;

La Direzione del Museo ha in programma, nei prossimi mesi, di ridefinire e aggiornare i supporti didattici di assistenza culturale alla visita. Particolare attenzione sarà riservata ai materiali destinati all’assistenza culturale per le persone con disabilità visiva e cognitiva.

Al momento, il Museo dispone di alcuni supporti didattici in braille per la visita del Castello e del Parco, predisposti in collaborazione con l’Istituto Rittmeyer di Trieste. I supporti, corredati di mappe tattili, sono disponibili gratuitamente, su richiesta, in lingua italiana, inglese e tedesca.

Per la prenotazione dei supporti e un’assistenza qualificata è possibile contattare l’Ufficio Servizi Educativi del Museo Storico e il Parco del Castello di Miramare: mu-mira@beniculturali.it – tel. +39 040 224143 interno 2.

Font Resize

AVVISO

Il Castello e il Parco rimarranno chiusi al pubblico nei giorni 17, 23 e 24 aprile 2019 per riprese cinematografiche. Ci scusiamo per il disagio.

The Castle and the Park of Miramare will be closed on April 17th, 23rd and 24th due to videoshooting. We apologize for the inconvenience.