NUOVA GRAFICA PER I BIGLIETTI DI MIRAMARE

NUOVA GRAFICA PER I BIGLIETTI DI MIRAMARE

NUOVA GRAFICA PER I BIGLIETTI DI MIRAMARE

Quale stanza del castello ospita il ritratto dell’imperatore Francesco Giuseppe? La celeberrima Sissi abitò mai nel castello di Miramare? E, ancora, a cosa allude il colore azzurro della tappezzeria al piano terra?

Sono solo alcune delle decine di domande e curiosità che ci si pone nel corso di una visita al Museo di Miramare, domande che possono trovare risposta in un percorso guidato o ascoltando attentamente le audioguide a disposizione alla biglietteria.

Da oggi, però, c’è un modo diverso e più originale di soddisfare alcune curiosità sulle collezioni e l’allestimento della dimora storica fatta costruire a metà Ottocento da Massimiliano d’Asburgo. È stata infatti avviata da poco la distribuzione dei nuovi biglietti d’ingresso al Museo, che recano appunto domande e risposte su molti temi legati alla storia del Castello. La particolarità è che sullo stesso biglietto non è stampata sia la domanda sia la risposta. Quindi, all’interno di un gruppo di visitatori o tra i componenti di una famiglia si potrà innescare un divertente “gioco” di scambi e confronto per dare una risposta alle domande. I nuovi biglietti, inoltre, saranno anche un piccolo e simbolico gadget-ricordo da portarsi a casa dopo la visita. Stampati in moltissime varianti, ognuno ha un diverso soggetto, accompagnati dai colori iconici del Museo che sono l’azzurro della tappezzeria al piano terra (che, per inciso, è stata scelta da Massimiliano per richiamare i colori del mare) e il rosso di quella al piano superiore, concepito per usi di rappresentanza e, quindi, più sontuoso e “imperiale”. Sui biglietti, infine, c’è il marchio recentemente rinnovato del Museo e il Parco del Castello di Miramare.

Font Resize

Avviso

Ogni mercoledì dal 7 agosto al 18 dicembre 2019 INGRESSO GRATUITO al Castello di Miramare dalle 16.30 alle 18.30

Dal 12 settembre all’ 8 dicembre primo FOCUS ON: “Il Porto di Istifan in una carta nautica del Settecento”

Prossime giornate gratuite: 1 e 6 dicembre 2019