Antoon van Dyck (copia da), Ritratto di Carlo V a cavallo, olio su tela, 1857

Antoon van Dyck (copia da), Ritratto di Carlo V a cavallo, olio su tela, 1857

Antoon van Dyck (copia da), Ritratto di Carlo V a cavallo, olio su tela, 1857

Collocazione: Atrio d’onore

Massimiliano diciannovenne fu in visita a Firenze e alla Galleria degli Uffizi ammirò il ritratto di Carlo V a cavallo di Antoon van Dyck. L’opera fu realizzata intorno al 1620 e fu trasferita agli Uffizi a metà del Settecento.

L’arciduca affascinato dalla personalità e dalle imprese dell’imperatore volle commissionare una copia del suo ritratto per la propria collezione. L’artista prescelto fu il toscano Michele Gordigiani, del cui coinvolgimento danno notizia i documenti di rendicontazione.

L’imperatore è raffigurato come un condottiero a cavallo; sopra di lui un’aquila sta per cingere il suo capo con una corona d’alloro. Sullo sfondo, il mare e il cielo in tempesta.

La maestosa tela, impreziosita da un’imponente cornice dorata, era esposta originariamente in una quadreria al primo piano del Castello, come testimoniato dalle fotografie d’epoca. È stata collocata recentemente nell’atrio d’onore, assieme alle immagini di altri illustri esponenti della Casa d’Austria.

Carlo V è un emblema della potenza Asburgo in uno dei momenti in cui, con l’espansione dei confini fino a oltreoceano, l’impero non conosceva il tramonto del sole, come lo stesso imperatore asseriva. Dopo l’accettazione della corona messicana, Massimiliano immaginò di poter riportare all’attualità quella fase gloriosa del proprio passato dinastico.

AVVISO AL PUBBLICO:

Il Parco ed il Castello di Miramare
sono regolarmente aperti con il consueto orario.