Ippolito Caffi (Belluno 1809 – Lissa 1866), Festa notturna a Venezia in onore degli arciduchi Massimiliano e Carlotta, olio su tela, 1857

Ippolito Caffi (Belluno 1809 – Lissa 1866), Festa notturna a Venezia in onore degli arciduchi Massimiliano e Carlotta, olio su tela, 1857

Ippolito Caffi (Belluno 1809 – Lissa 1866), Festa notturna a Venezia in onore degli arciduchi Massimiliano e Carlotta, olio su tela, 1857

Collocazione: Sala XII – Sala della rosa dei venti

La tela è una testimonianza del soggiorno di Ferdinando Massimiliano nella città lagunare nel biennio tra il 1857 e il 1859 in cui rivestì la carica di governatore generale del regno Lombardo Veneto, alternando la sua residenza tra Venezia, Milano e Monza.

Il pittore impiegò quasi un anno a realizzare la tela, di imponenti dimensioni, originariamente destinata agli appartamenti di Massimiliano a Venezia, per poi essere inviata al Castello di Miramare. Esistono due repliche del dipinto, conservate a Venezia e a Milano e realizzate dallo stesso Caffi con lievi differenze compositive.

Secondo la tradizione, l’opera rappresenta la festa notturna che si tenne il 2 agosto 1857 in onore di Massimiliano e Carlotta, mentre dalla documentazione veneziana relativa alla permanenza dell’Arciduca a Venezia il soggetto è il ritorno notturno di Massimiliano e della sua sposa da una festa al Lido. La coppia arciducale fu sicuramente presente a Venezia nell’estate del 1857 per l’inaugurazione di un passaggio pubblico sul molo di San Marco, a cui seguirono delle celebrazioni con fuochi pirotecnici. L’artista assistè all’evento e Massimiliano gli commissionò l’opera per donarla l’anno successivo alla consorte.

Nel dipinto, le facciate delle architetture prospicienti il bacino di piazza san Marco riflettono i bagliori delle luci artificiali, dei fuochi e degli spettacoli pirotecnici e fungono da quinta prospettica ai festeggiamenti in corso nello specchio di mare antistante. La folla accorsa occupa la riva del molo e le numerose gondole illuminate e decorate a festa. Altre imbarcazioni compaiono in lontananza, mentre un cielo nuvoloso incornicia la scena.

ORARI D’APERTURA

Il Parco di Miramare è aperto ogni giorno dalle 8 alle 19
(esclusi il 25 dicembre e l’1 gennaio).
Il Castello può essere visitato ogni giorno dalle 9 alle 19
(ultimo ingresso alle 18.30).
Le Scuderie del Castello aprono al mattino dalle 11 alle 13
ed al pomeriggio dalle 14 alle 17
(ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura).